×

RACCONTACI LA TUA STORIA

VISITA LA PAGINA FACEBOOK

Facebook Viverlatutta
"Ridiamoci su" (La scrivente è mia madre)

Per questa lettera sono in ritardo e me ne dolgo, ieri dal parrucchiere, in un vecchio giornale,ho letto di una sua iniziativa libraria che racconti in maniera un po' leggera le vicissitudini certamente drammatiche di chi è vittima del cancro. Nel 2009, avendo difficoltà ad evacuare, mi sottoposi ad una colonscopia e il verdetto fu tremendo: tumore del colon, urgente l'operazione.

Presi contatto con il Policlinico Federico di Napoli e mi chiamarono per gli accertamenti il 17 ottobre 2009.

Da buona napoletana quel 17 mi infastidì un po’ ma andiamo avanti.

Mi recai in quella data e subito mi destinarono al secondo piano del reparto,letto 17,e son due ma la zampata finale fu la data dell’intervento 2 novembre 2009. A quel punto sorrisi di gusto e raccontai il tutto, come una barzelletta, al sacerdote che veniva a portarmi conforto per l’imminente travaglio. Il sacerdote che era entrato con l’aria di circostanza, un po’ alla Verdone, per confortarmi, cominciò a ridere per la leggerezza del mio racconto e se ne andò dicendo che avrebbe raccontata la vicenda agli altri ammalati per regalargli un sorriso. Questo é quanto.

Fui operata in quel giorno e, oggi, a più di sei anni di distanza, sto benissimo. Se ritiene di raccontarlo mi informi, per piacere, ho 85 anni e ne riceverei piacere Grazie

COMMENTA LA STORIA

Per accedere a questa funzione è necessario essere registrati e superare la login