×

RACCONTACI LA TUA STORIA

VISITA LA PAGINA FACEBOOK

Facebook Viverlatutta
Disperato a fianco di mia moglie disperata.

Sono il marito di una paziente sofferente da "troppo tempo" di vulvodinia generalizzata, diagnosticata presso l'ambulatorio del dolore pelvico dell'ospedale Buzzi, dopo un lungo e sofferente giro di ginecologi.



Ora mia moglie ha terminato una serie di sedute di elettroporazioni presso lo studio Andromeda di Milano. Siamo a 10 sedute, il dolore si era attenuato ma il bruciore è tutt'ora fortissimo, tanto che siamo stati costretti a rivolgerci anche ad altro specialista che ci sta curando per l'ansia e lo stress. Come detto il bruciore è ancora fortissimo e ci sembra di essere in un vero e proprio incubo. Oltre la sofferenza sta ora subentrando qualcos'altro nella testa. Il medico di famiglia non sa che "pesci pigliare", consigliando un ansiolitico e mitigatore del dolore neuropatico.



Anch'io - in veste di marito - non sò più che "pesci pigliare" ma il mio impegno è certamente diverso e voglio vincere questa battaglia. Chi può mi/ci aiuti.



Grazie

COMMENTA LA STORIA

Per accedere a questa funzione è necessario essere registrati e superare la login